mercoledì 8 giugno 2022

ROMA CAPUT MUNDI vs MOLLE TARENTUM - Rosso Valentino versus Dolce & Gabbana.

ROMA CAPUT MUNDI vs MOLLE TARENTUM

Rosso Valentino versus Dolce & Gabbana.

 

“Tu sapessi che cosa è Roma! Tutta vizio e sole, croste e luce: un popolo invasato dalla gioia di vivere, dall’esibizionismo e dalla sensualità contagiosi, che riempie le periferie... Sono perduto qui in mezzo.” Parole (corsare) di Pasolini, incartate e spedite – si era nel 1952 – all’amico Giacinto Spagnoletti, critico militante (e di pari natali di Lorenzo, in quell’anno appena svezzato. Ma ora, mezzo secolo e passa dopo, la città ‘delfina’, teoricamente di sogno, viveva ancora tra i fumi. Da un ponte all’altro. Ancora nel guado. Come da prassi. La città dei due mari, girevole ma di pietra, era in piena tempesta d’acciaio, scespiriana. Earth, wind & fire. Terra sui balconi, solitari. Vento di scirocco, tombale. Fuoco siderurgico, una bomba. Città dell’estate, dimezzata, col respiro corto, sul viale del tramonto. Bella e dannata… – e con la vela traforata di Giò Ponti a far da spartiacque. In attesa sospirosa – suspiria? – di una Taranto blessing).

     Questa (la prima) era la Roma che avevano ritrovato dopo il tour walk-and-work da globe-trotter (e la molle Tarentum? In ammollo. Eppure, il suo sol levante e i suoi tramonti d’occidente – un unicum – avevano sempre più voglia di nuovi orizzonti). L’urbe capitolina: in bilico tra capitolazione e ricapitolazione (per il momento ancora tutta lucchetti, ma anche moine e smorfiette). Tutta generazione dello scusa-ma-ti-chiamo-amore. E con un look al passo col vento (dal ponentino era passata all’’attimino’).

     Tappeto rosso, città color rosso vermiglio (città futurista, o passatista?). Arianna e Lorenzo, provocatori post-litteram, spiaggiati nell’Urbe, bagnati dalla Fontana di Trevi ma non spiazzati, avevano anche loro colto l’attimo, quello senza diminutivo (il Kairòs). Il carpe diem avrebbe scandito i dies corporis, i giorni del corpo. Corpo, anima e spirito finalmente, e definitivamente, in sintonia: tripudio della vita, ripudio della morte.

    “Coi secchi di vernice coloriamo tutti i muri, case, vicoli e palazzi…” Ora non avevano più scuse. Dovevano agire. Senza aspettare il domani (il daimon era lì, qui e ora). E infatti, quanto all’hic et nunc, trascurarono sightseeing e shopping alle soglie del week-end per prepararsi a puntino per l’incontro (solo una puntatina serale ad Ariccia per della porchetta rimpolpante e del Frascati light – alla faccia del classico digiuno preparatorio: ed era pure venerdì).

     Quanto alla sensualità, era ancora martedì grasso. La Pentecoste, a un dipresso. Una toccatina e fuga: lo start al tocco (l’una in punto) a base di tartine e più d’un goccio fluidificante di frizzantino (rosè salentino per giunta), per poi catapultarsi ben torniti in Piazza San Pietro. Non senza, però, aver prima vissuto – dopo lo shock-Stendhal di fronte al Borromini di Sant’Ivo alla Sapienza e di San Carlino alle Quattro Fontane (che pure conoscevano bene) – la notte trasteverina al ponentino. Saturday night fever, tutta musica e accenni di danza: l’eterno ritorno, sia pur dissonante, alle caves fiorentine degli anni ’70 e alla Pugnochiuso anni ’80 e passa (sempre sul chi vive).

 

     ”In una città di due milioni e mezzo di scheletri, la presenza di qualche migliaia di viventi passa inosservata.” Frenesia flaccida d’inconsapevole mestizia. Ebbrezza da vino di buon mosto. Già acqua, trasformatasi in vin rouge ai primi sentori di una presenza vicina (Quo vadis? Maranathà!). Roma rosso-Trevi, rubiconda di vernice e di mestruazioni. Urbe gioconda, ancora faconda di emozioni (e di nuovi figli). Complice. Sfuggente (tocco fuggitivo alla Cecchini e rintocchi stonati di aromatici Toscani).

     Sei venuto per mescere il mio vino? Ma il vino con cui mi ubriaco è invisibile.” Sapori forti sempre più dolci. Rosso Valentino versus Dolce & Gabbana. Fritto misto alla frutta. Grey’s Anatomy. Mistica est-ovest alla Rumi. Eppure, dietro a quelle poche migliaia di persone vive ce n’erano miriadi in attesa. Morte, dormienti, appisolate, in fase di risveglio… E l’aspettativa non sarebbe andata delusa. Nessun trattamento di fine rapporto.

     La relazione continuava, tra Arianna, Lorenzo e il mondo; il nodo gordiano che legava gli individui a forze estranee, anche quando si ritenevano liberi e autosufficienti, sarebbe stato sciolto. Di lì a poco. Di questo erano ormai certi. No doubt. La loro non era delusion, pura follia, né escamotage o escapismo, sia pure alla Houdini. Era certezza. Non la Grande Delusione. Lorenzo e Arianna erano forse degli illusi, dei ‘fanatici’, dei ‘visionari’, ma la missione cui sapevano di essere stati chiamati non poteva essere elusa. Loro, come le vergini avvedute, si erano fatte trovare pronte alla chiamata. Dentro i ranghi, come cani sciolti. Pronti a buttarsi sulle ossa secche, sui milioni di scheletri.

     Loose. Sciolti, liberi, pronti per diffondere il virus della libertà, della ‘vita piena’. C’era però bisogno di un ‘tramite’. E di un ‘fomite’, positivo però, di uno che contava (e che non dava i numeri). Di un ‘filtro’, insomma. Avevano bevuto l’elisir della dolce vita, avevano vissuto l’alba dorata e il mezzogiorno di fuoco, non poteva tutto concludersi in (e con) un’algida notte…

 

Tratto da Gocce di pioggia a Jericoacoara.

 

 


 

domenica 22 maggio 2022

DALILA ON THE ROAD

DALILA ON THE ROAD 

Scritto anni fa da unamica (Dalila).

 

A volte scrivere non vuol dire soltanto scervellarsi per elaborare una fabula, o rimuginare sui propri pensieri per metterli in versi. Oggi voglio provare a fare quello che ho sempre fatto, da quando ho dodici anni, da quando ho iniziato a comprendere il significato reale delle parole, da quando mi sono addentrata nel mondo dell’introspezione e dei sensi–non-sensi.

Quanto sono cambiata… Su quello che è il palco della mia esistenza avevo sempre interpretato il ruolo della principessa. La seta, i drappeggi e gli smeraldi, adesso, hanno lasciato spazio a lana grezza e calzari sudici e mi ritrovo a vestire i panni di una schiava.

Loro mi guardano, la platea è buia, loro non sanno che anche io posso guardarli. Qualcuno mangia una caramella, qualcun altro accenna uno sbadiglio, ma io posso vedere distintamente i loro volti, le loro espressioni, i loro occhi. Tutti.

E casco per terra, e urlo la mia libertà: le catene mi graffiano i polsi, i capelli odorano di reclusione. E più piango e più mi acclamano. Più soffro la mia prigionia, più sento, vividi, ingordi e sazi, i loro occhi.

Sono schiava del padrone più truce, del Leviatano supremo. Sono schiava di me stessa. E mi crogiolo nel mio dolore, nelle mancate responsabilità, nella voglia inespressa di agire-reagire alla sofferenza, nell’impossibilità o possibilità di cambiare gli eventi.

“Non la voglio più questa vita”, dico a un uomo compassionevole che mi stringe la mano. “Ti aiuterò io a cambiarla, ma devi volerlo tu…” Un aiuto dal cielo quella mano attorno alla mia, la mia mano nella sua. E non la so sfruttare. Non la voglio sfruttare.

 

La pigrizia gravitazionale, m’inchioda su questo pavimento, in questa polvere, in questo strazio e in questi abiti. Liberatemi! Liberatemi! Non chiedo altro.

E se qualcuno mi desse le chiavi, forse farei in modo di perderle…

Un leone non può essere una gazzella. Un leone è sempre un leone. E se fossi nata gazzella e avessi solo sognato di essere un leone? Se la mia natura non fosse quella che ho sempre creduto che fosse? Non ho ancora capito chi sono? Chi il leone, chi la gazzella. Chi la principessa, chi la schiava…

Ma sì, certo…  come ho fatto a non pensarci prima! Ecco perché non riesco a cambiare, ecco spiegato il mio essere, tutt’ad un tratto, inagente: la mia collocazione nel mondo è la spiegazione. Non l’ho trovata, non ho ottenuto quello che volevo, sono rimasta sospesa nel vuoto, col cuore di un equilibrista su una fune sottilissima: in bilico sul filo dell’amore che non posso avere, che strazia e tormenta, che brancica il corpo e la mente e che offre null’altro che questo. Se son schiava, non ho nulla da perdere. Se me ne sto qui, nel mondo del nulla, nel mondo–non-mondo, nel niente del mondo, tutto avrà un senso perché nulla più lo avrà. 

Sarò felice perché non potrò essere triste. Tutto sembrerà quello che è, perché niente sarà come non è.