venerdì 10 dicembre 2010

MASS-MEDIA, MESS & MISS

MASS-MEDIA, MESS & MISS 
Da Emmaus a Mickie Mouse

Ragni (e galline: non solo topi…), vuoto (e ‘pieno’: la folla), buio, altezza (e la minima profondità di un ascensore): questi alcuni degli inneschi delle fobie e degli attacchi di panico. Ma talvolta (o sempre?) tutto scatta nella mente. In ogni caso, siamo qui in presenza della modalità evitamento e fuga: per evitare l’ascensore fai le scale a piedi… basta che tu veda un cane e cambi marciapiede.
Ansia, paura e panico coinvolgono tutta la tua sfera emotiva: ti senti impotente, in quel momento vorresti solo scomparire... Un caso emblematico: da piccolo sei stato morso da un cane e il trauma da fisico si è tramutato in psicologico (cinofobia). L’esperienza traumatica originaria – il morso – è lo ‘stimolo incondizionato’; l’abbaiare del cane, il suo pelo, le sue fattezze (fosse pure un chihuahua), sono gli ‘stimoli condizionati’, quelli che ‘elicitano’ (estraggono) l’ansia come ‘onda lunga’ della burrasca iniziale. E se servono a tenerti lontano da un’eventuale fonte di guai, sono gli stessi che generano la risposta ansiosa, provocandoti gli attacchi di panico situazionale.
Sull’altra sponda, invece della modalità ‘via da’, troviamo il suo opposto: l’attaccamento (il metaprogramma ‘verso’). Se prima “evitavi per non fuggire”, ora “vai disperatamente in cerca”. E sono tante le cose a cui sei attaccato (le dipendenze): tivvù e tivvù, pensieri su pensieri, sigarette e pillole, frigo e dispensa, la bottiglia…
E non finisce qui… “Non riesco a cominciare… m’imballo e non vado più avanti Non ce la faccio… ce la metto tutta ma non riesco a concentrarmi: mi sento disorientato, confuso, demotivato. È tutto uno schifo! Sclero e rinunzio a tutto… Dopo il ‘fobico’ e il ’dipendente’, ecco qui il depresso, lo stressato, l’inconcludente (e lo sfigato).
E poi c’è l’uomo ‘normale’: “aspirato dai suoi pensieri, dai suoi ricordi, dai suoi desideri, dalle sue sensazioni, dalla bistecca che mangia, dalla sigaretta che fuma, dall’amore che fa, dal bel tempo, dalla pioggia, dall’albero vicino, dalla vettura che passa...” Questo è l’uomo ‘robot’ (ne parla Gurdjieff, ma un po’ tutti ne aspiriamo qualcosa…). E che dire dei tanti pseudo-manager fuma-fuma (anche solo mamme o babbi che portano il pargoletto a scuola) che impazzano per le strade sgommando come folli su SUV ingrifati, quasi dovessero correre a chissà quale appuntamento ‘capitale’. Alla fin fine tutti stressati (e non sto parlando dello stress positivo – l’eustress – quello del primo bacio o della discesa su una pista di sci, e sei uno sciatore provetto, ma del distress: quello che ti logora la vita, ti avvelena l’anima e ti può condurre sul baratro).
Insomma, da una parte l’uomo robotico (moscio o agitato), dall’altra l’uomo comatoso. Sì, lo so, certe cose ci sono sempre state (è nella natura dell’uomo: un po’ in cielo un po’ a terra…), ma il tam tam dei mass-media – puoi avere tutto subito (dal fast food al prestito su misura, fino al fast love) e devi essere ‘così’ (tacco dodici o rasoterra, tutta-tette o filiforme, grasso è bello…) – ha creato l’era dell’ansia: un continuo mordi e fuggi alla ricerca di una soddisfazione effimera e un susseguirsi di copia-e-incolla di modelli mass-mediatici belli ma impossibili.
Dall’eccesso d’informazione all’eccesso di attenzione: si è passati dall’epoca delle ‘grandi narrazioni’ a quella del gossip. Basta cliccare e hai tutto in un attimo: qui le ultime news dalla Kamchatka, lì un contatto face to face con il tuo compagno di banco affacciato su Facebook. Ottimo, pure indispensabile, ma con questo volere tutto, poco, maledetto e subito, abbiamo disimparato, non solo a fare i calcoli a mente, ma a sbrogliarcela con le minime difficoltà quotidiane. Un piccolo intoppo e… il mondo ci crolla addosso. Vediamo subito la montagna nella sua immensità: abbiamo perso la capacità di riflettere, fermarci un attimo e scomporre il problema nelle sue componenti più piccole, ognuna facilmente risolvibile, oppure aggirarlo con uno stratagemma. Allora, perché non seguire l’esempio dei cinesi? Se noi vediamo una lunga distanza nella sua interezza (il che ci spaventa), loro, da sempre, sanno che mille miglia cominciano con un solo passo.

Ho tratto questo dal mio Che cos''è la PNL. Come vincere ansia - Sovera Edizioni  in cui parlo di come uscire dall’empasse esistenziale (spero che questo valga anche dal 14 in poi…). Un aggancio: a proposito di empasse, gossip e di quel che sta accadendo in queste ore – un remake, così la “vox populi” (vox dipietri), di Giuda e dei trenta denari (e di Alì Babà e i quaranta ladroni: a buon intenditor…) – nel leggere appena un’oretta fa questa breve considerazione del noto counselor Charlie Fantechi, mi è venuto in mente, come un flash, qualcosa, per l’appunto, di evangelico (non nel senso di Giuda o di Pietro, quello del tradimento – poi però cambiò…): 
“Se il cliente continua a divagare non rispondendo esaurientemente alla nostra domanda o non dichiarando la sua richiesta di aiuto torniamo ripetutamente alla domanda stessa finché il cliente, a volte anche solo per stanchezza, non ci dà una risposta utile. Se la persona ha dei dubbi sul fatto che lo potete aiutare, anticipatelo, dicendo: “Se non sai come posso aiutarti probabilmente non posso farlo… forse hai bisogno di qualcos’altro.” Non rincorrete mai, aspettate e quando il cliente si muove leggermente verso di voi iniziate ad allontanarvi per farvi seguire e per aumentare in lui la motivazione a farsi aiutare.”

Bene, questa è la classica tecnica PNL del ricalco e guida (in questi giorni, c’è quella della ‘calca’ e dei ‘giuda’ – cosa diversa è cambiare opinione). Ma vediamone un esempio antico, quando più che il gossip (che c’è sempre stato: allora erano ‘rumores”…) c’erano le “grandi narrazioni” (un po’ la differenza tra la più banale Historie e la più profonda Geschichte pesco nei miei studi, un po’ freelance, di teologia):
Ed ecco in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio distante circa sette miglia da Gerusalemme, di nome Emmaus, e conversavano di tutto quello che era accaduto. Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù in persona si accostò e camminava con loro. (…) Quando furon vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano.  Ma essi insistettero: «Resta con noi perché si fa sera e il giorno già volge al declino». Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. (Dal vangelo di Luca, cap. 24). 

Compreso? (Gesù aveva scoperto la PNL ben prima di Bandler e Grinder…): quindi, in un primo tempo bisogna andare al passo con l’amico (o l’avversario), poi, dopo essersi ‘sintonizzati’ con lui (rapport, empatia) ed essere entrati nel suo mondo (essersi fatto greco col greco, giudeo col giudeo, diceva san Paolo), bisogna fare uno ‘scarto’: allontanarsi un po’ per poterlo fare entrare nel tuo mondo… Non solo, altro insegnamento (non solo buddhista, ma anche cristiano, come si nota dal passo evangelico): Quando l’allievo è pronto il maestro appare. Ma quando incontri di nuovo il maestro uccidilo… (e infatti, “sparisce dalla tua vista” perché sai ormai camminare con le tue gambe – “non sarò la vostra stampella” diceva Nietzsche nel suo Zarathustra).
Ok, visto che l’appetito viene mangiando chioso con il finale (rimosso per mancanza di spazio) del mio predetto libretto di self-help (io l’avrei voluto chiamare Sursum corda. Come slegarsi da ansia, fobie e dipendenze con la PNL, ma tant’è: a caval donato…). È un breve racconto sufi, che ben simboleggia il passaggio dalla schiavitù della ‘fissazione’ al ‘risveglio’ liberatorio.

A Mullah Nasruddin era giunta voce che la moglie lo tradisse. E gli avevano pure indicato il luogo (sotto la grande palma appena fuori città) e l’ora degli incontri clandestini (a mezzanotte in punto). Non sapeva però chi fosse il rivale.
Il pensiero del tradimento e la gelosia lo divoravano giorno dopo giorno. Ormai la sua era diventata una fissazione, una mania… E dal giorno della triste rivelazione aveva cominciato a soffrire anche di fobie e attacchi di panico; per non parlare degli stati d’ansia, della vergogna (erano ormai molti mesi che non frequentava più nessuno per paura dei commenti) e della depressione che lo buttava sempre più giù. Era ridotto a uno straccio…
Un giorno prese il coraggio a due mani e disse fra sé e sé: devo far fuori il mio rivale! Si preparò psicologicamente a puntino, si rimise in sesto, disse in anticipo le preghiere riparatorie, si armò di tutto punto e andò di soppiatto sul luogo deputato, Era quasi mezzanotte, luna piena, nessuno intorno, solo una leggera brezza e il sommesso vocio degli animali notturni…
Salì sulla palma e iniziò ad aspettare. Mezzanotte: niente, mezzanotte e mezza: niente… Ma lui imperterrito, sempre più carico di rabbia e indomito coraggio.
L’una, le due, le tre, l’alba… All’improvviso, il flash: ma io non ho moglie!

2 commenti:

TNEPD ha detto...

Ciao,

per me non ci sono scuse, c’e’ troppa roba inutile. Le edicole non vendono – come presumo ci si aspetti da loro - consapevolezza quotidiana a basso costo, bensi’ spacciano dosi massicce di cellulosa rettificata al solo scopo di ottenebrare le volonta’ dei facenti uso e il taglio e’ pure pessimo.

Il resto della mia prognosi sull'eccesso d'informazione e'qui:

http://tnepd.blogspot.com/2010/12/392-modi-per-dirti-le-morta.html

Spero di aver contribuito al dibattito. Se cosi' non fosse... pardon.

TNEPD

Nike ha detto...

Sì, verba volant (e talvolta violentant...). Ma il più delle volte, specie nel chiacchiericcio d'ogni giorno, la parola svolazza e sviolina, senza 'volare': è solo fumus, vanità delle vanità, vuoto del vuoto. Questo è quel che accade comunemente nelle transazioni quotidiane. Eppure, il ventaglio d'azione della parola è ben più vasto: le parole formano, deformano, informano, trasformano, performano, conformano...
Come afferma Adriano Segatori in "L'anima e le sue parole": "Il linguaggio - che della lingua rappresenta la parte pratica, contingente - è un'arma estremamente pericolosa se impugnata da manipolatori senza scrupoli e da imbonitori senza coscienza, o dotati di un'etica piuttosto elastica: da strumento di espressione dell'anima e di comunicazione delle idee, può diventare un'opportunità di assopimento della ragione, di condizionamento della coscienza, di modellamento della realtà, d'incanalamento verso la visione di un pensiero unico e anesteticamente condiviso (o subìto)".
E tutto questo ha a che fare con l'anima. Infatti, così R. D. Laing, citato dallo stesso Segatori: "... se la psiche è l'anima, e l'anima è il mondo della nostra esperienza, come sostiene Aristotele, essa ci fa paura. Non ne vogliamo troppa o troppe varietà. La vogliamo ridotta a percezione e a immaginazione terrene, niente sogni a colori".
Insomma, per dirla con due parole: spesso solo "cellulosa rettificata" e 'cellulite' reificata.