sabato 15 febbraio 2020

GOOD VIBRATIONS


GOOD VIBRATIONS

«Sulla tua strada Dio ha posto dei segnali, basta saperli leggere. Allegramente. Più hai gioia, più sei connesso con Dio. Ama te stesso in connessione con lo Spirito. Lasciati attrarre da Lui. Vale la legge dell’attrazione: ciò su cui puntiamo l’attenzione, quello che pensiamo, immaginiamo e sentiamo fortemente, lo attiriamo nella nostra esperienza e vita. Pensa a Giobbe: pensava a qualcosa di negativo e subito gli piombava addosso […] Ciò su cui dirigiamo attenzione ed energia, lo portiamo alla forma. Ma solo, o soprattutto, se siamo sintonizzati con Dio, colui che genera e rigenera. Negli altri casi, spesso, è solo deformazione. Dovuta a disinformazione. Chi crediamo di essere, diventiamo. La legge dell’attrazione funziona sempre, che ne siamo consci o no. Il simile attrae il simile …vibrazioni analoghe. Come pensi, così agisci e così vivi. Già nell’Antico Testamento si sottolineava il nesso tra azione e condizione di esistenza, tra azione e ‘destino’. Quest’ultimo inteso, non come punizione, ma come ‘ritorno’, ‘compimento/adempimento’ di ciò che si è fatto. Se getti la rete puoi trovarti intrappolato in essa… È nell’ordine delle cose, nel dharma. […] Slegati la testa (al che Lorenzo si ricordò di un bel motivetto ‘rock-cristiano’), fa’ fluttuare il tuo cervello, fantastica ‘nel profondo’, concediti ogni tanto la meditazione: è discepolato della mente, ti rende intimo con te stesso, è un modo per evitare che tu giudichi o ti attacchi a ogni contenuto mentale. Tutto questo sviluppa distacco, consapevolezza, intuito. Soprattutto, empatia, intuizione emotiva. Ogni tanto, fa’ il vuoto nella tua mente: non è solo roba buddista o un invito al Diavolo a ‘entrare’ nella tua mente, come molti cristiani erroneamente pensano. “Il deserto cresce: guai a colui che cela deserti dentro di sé.” Eppure, qualche volta il deserto riempie… Il deserto è ‘vuoto’, ma lì spesso s’incontra Dio (anche il Diavolo, con le sue tentazioni. Niente paura, basta sbattergli in faccia: Sta scritto…). Concediti di tanto in tanto il silenzio. Fermati e ascolta la voce dello Spirito. Fuori dal ‘mercato’ troverai quello che ti serve. Dio spesso lo incontri nelle strade vuote, nel silenzio, nella cameretta buia, nella tenebra ‘luminosa’… Lì dove il tempo s’interseca con l’eternità. E il tempio incontra la piazza. Ma fuori dal ‘mercato’ e dalla ‘moralina’… Lo spirito fermenterà e l’attenzione si sposterà sul divino. Sensibilizzati! […] Molti sono desensibilizzati – Gaia continuava a battere il ferro finché era caldo – con il corpo schiavo dei desideri dell’ego. Esiliati dallo Spirito, hanno trovato rifugio nel corpo o, al massimo, nell’intelletto: sono dominati dalle emozioni o imprigionati in una rete difensiva su vari fronti. Non si rendono conto di abitare in un territorio vitale, in cui ci sono, sì, nemici, ma anche amici, angeli. Se realizzi questo, anche il corpo e le sue gioie avranno un senso. Anzi, la gioia sarà più inebriante […] Chi ti visita può essere un angelo, talvolta Dio stesso. Ne seppe qualcosa Abramo, convalescente nella tenda dopo la tardiva circoncisione… […] Abbiamo diritto alla felicità, ma la mente è il grande sabotatore. Non solo il grande inquisitore… Occorre per questo sviluppare la consapevolezza, ma wu-wei – agendo come se non si agisse… , e un’attitudine win-win. Devi poi lavorare coi (e sui) sogni (sia quelli che entrano dalle porte di avorio sia quelli, più incisivi, che entrano dalle porte di corno). Senza per questo trascurare – horny… le necessità del corpo. Fitness e joyness. E se c’è qualche barriera, qualche vuoto da superare: la fede sconfigge la paura. Avendo lei, la fede, come alleata, possiamo fronteggiare il ‘gran predatore’. Dopo di che, Lorenzo, passa oltre. Velocemente, senza soffermarti troppo sulle tue ‘rovine’. Sei indirizzato verso il risultato – solution oriented , non ‘collotorto’ come la moglie di Lot (che guardò indietro e diventò una statua di sale). “Passa in rassegna le gioie e i dolori, le pene e le esperienze, tutte le azioni come se fossero cose di un altro. Ognuno infatti guarda con chiarezza nella vita degli altri, e trova la giusta medicina per i mali che non gli appartengono.” Così parlò Rudolf (Steiner). Beviti questa medicina… Ma poi rivolgiti al Grande Medico. Se vai oltre l’Io diventerai (quasi) come Dio. Il salmo otto in questo è esplicito. Crescerai alla statura di Cristo. Non in senso devozionale, da bizzoche o baciapile, ma in modo creativo, eroico, mi viene da dire erotico. Cioè, forte, passionale, capace di attrarre e sedurre (nel significato nobile del termine). Non più tu, ma Cristo in te. E se proprio vuoi fare una sosta di riflessione, concediti solo un breve self enquiry per riscoprire la tua vera natura. E poi passa subito all’attacco. O forse vuoi scavare come un archeologo negli strati del tuo subconscio, e mettere a nudo le tue ferite? Se proprio vuoi, fallo, ma sii veloce. E se fai qualche cattiva scoperta? Accetta la tua ombra, ma portala alla luce! Ammetti la tua paura, amala! Ma non fossilizzarti sul passato: scopri i reperti e poi sotterrali (ma conserva i ‘fossili’ migliori). Cèntrati, focalizzati, sulla soluzione. E ricordati: vale più il cambiamento correttivo, la metànoia, del counseling o della terapia psicologica... In ogni caso sarò la tua coach.»
(Dal mio romanzo Gocce di pioggia a Jericoacoara)









giovedì 13 febbraio 2020

GIOBBE: IL DRAMMA È DIO


GIOBBE: DRAMMA UMANO E DIVINO

Sull’onda del Cantico dei Cantici, rivisitato da Benigni, e di cui, pur cianciando e trinciando giudizi, ben pochi, almeno in Italia, sa qualcosa (per non parlare della Bibbia intera), ecco l’inizio della mia tesi su Giobbe, a conclusione di un percorso di studi in Teologia.

GIOBBE: IL DRAMMA È DIO.
Il Dio di Giobbe vs il Dio di Giacobbe

Un libro che non abbia Dio, o l’assenza di Dio,
come protagonista clandestino, è privo d’interesse.
Nicolás Gómez Dávila

«Sì, l’ultimo atto di Dio sarà di consumarsi e sparire nella sua creazione: come il grande Eroe che esce dal talamo, che si espande nel creato per scomparire nell’abisso, dopo essersi fatto luminosità e calore anche della più umile delle sue creature.» [1]
Consuma e si consuma, appare e scompare… (come Gesù sulla via di Emmaus). Un Dio absconditus ma sempre presente: espansivo e sfuggente, scompare nell’abisso per poi ricomparire; tirato in ballo, non si sottrae alle sue responsabilità, ma si rivela nei fatti (fossero anche misfatti).
Realtà vicina, di cui abbiamo esperienza quotidiana – chiamato o non chiamato, creduto o non creduto; ma, soprattutto, Realtà Ultima: Essere, e non un essere, per dirla con Paul Tillich.
In ogni caso, Dio c’è: «chiamato o non chiamato, Dio sarà presente.» [2]

Ma chi è questo Dio, e di quale libro è protagonista, prima clandestino, poi cittadino a pieno titolo?
Facciamo esperienza del Divino in modi innumerevoli: dal timor panico, estatico, nel silenzio di una notte stellata, al canto di un uccello mattutino; dal Dio di gloria che tuona sul mare in tempesta al sottile suono di silenzio… [3]
Tutta la Bibbia, nelle sue molte voci, è impregnata di questa Essenza, ma è nei libri sapienziali che il Mistero esprime il suo lato “oscuro” (per noi) e apparentemente paradossale. E dei tre massi erratici – Giobbe, Qoèlet (Ecclesiaste), Cantico dei Cantici – voglio “fermare” il primo, lì dove il dramma è Dio.

«Io grido a te, ma tu non mi rispondi,
insisto, ma tu non mi dai retta.
Tu sei un duro avversario verso di me
e con la forza delle tue mani mi perseguiti»
(Gb 30,20-21)

Dalla “cornice” passiamo ora al “quadro”. Nel grido di Giobbe è condensato il “dramma umano”, sia esso espresso in modo palese o intimo, sia esso l’urlo disperato di un credente o il grido esasperato di un agnostico: quello di Giobbe è l’appello insistente a un Dio apparentemente assente, lontano, indifferente – come tante volte assente, lontano, indifferente è chi ci dovrebbe essere vicino.
Peggio ancora, Dio sembra a Giobbe un avversario crudele e spietato, sordo a ogni richiesta di aiuto.
Eppure, «è necessario che ogni persona passi attraverso questa fase di protesta e sperimenti la disperazione di sentirsi abbandonato dal Signore se desidera approdare all’incontro con lui pur vivendo ancora dolore, sofferenza, solitudine ed emarginazione.» [4][3] ..

Giobbe: prima su, poi giù; poi di nuovo su, sempre più su… Creazione – de-creazione – ri-creazione, questo il tema della mia tesina su Genesi, lì dove scrivevo: «… il mito biblico non è paragonabile a quelli paralleli dell’Antico Vicino Oriente […]. Piuttosto, qui il mito, inteso alla Campbell, è una metafora per indicare un “processo di trasformazione”: per un popolo come quello ebraico, spesso in esilio e cattività, funge da insegnamento e sprone a uscire dalla “zona di (dis)comfort” per andare oltre ciò che è percepito come limite delle proprie attuali possibilità.»
Giobbe è tutto questo: prima la creazione (il successo), poi la de-creazione (la caduta); infine, la ri-creazione e il ristabilimento di Giobbe, con “surplus” – cercate prima il Regno di Dio e la sua giustizia e tutte le altre cosa vi saranno sopraggiunte (Mt 6,33). In ogni caso è un processo di trasformazione.
Tuttavia, ciò che più colpisce il lettore è la “decreazione”: Giobbe o de “l’eccesso del male”, per dirla con Philippe Nemo. E se c’è il male, c’è la natura umana; non solo Giobbe, c’è Dio, e il suo “dramma”: Cristo sulla croce e Giobbe sul mucchio di cenere: due sigle della nostra umanità. (Jorge Luis Borges).

Ma entriamo nel vivo di: GIOBBE: IL DRAMMA È DIO. Il Dio di Giobbe vs il Dio di Giacobbe.
Innanzitutto, il libro: Giobbe [5] rientra in quella letteratura biblica, definita “sapienziale”, che maturò dopo l’esilio babilonese, quando, all’entusiasmo iniziale, collettivo, negli ebrei rimpatriati subentrò la fase della riflessione individuale (anche per effetto dell’influsso ellenistico). Fu in questo “brodo di cultura” che, nel V-IV secolo a.C, videro la luce (o la redazione finale) alcuni dei libri sapienziali [6]: Qoèlet, la Sapienza e Giobbe, nei quali, in forma prevalentemente poetica, è rappresentato il dramma dell’uomo posto di fronte agli interrogativi di sempre: la vita, la morte, la malattia, la sofferenza, il peccato, Dio.
Il Libro di Giobbe è, quindi, un compendio di: teologia, antropologia, amartiologia e soteriologia. Gli studiosi si sono soffermati soprattutto su questi ultimi tre aspetti, ma io metterò a fuoco il primo: in effetti, il vero protagonista – il soggetto su cui indagare – non è tanto Giobbe, quanto Dio...
Ma cominciamo con l’uomo: Giobbe è la storia di un credente. È il percorso travagliato, sia pur estremo, che ogni credente può trovarsi a fare. Ciò che è capitato a Giobbe è possibile, in varia misura, a chiunque (Dio compreso: in Gesù). Ma ciò che fa di lui un esempio è l’assenza di presunzione: nessun’arrogante pre­tesa (hybris) di misurarsi con Dio, solo il disperato desiderio di conoscerLo, e quindi [4]  conoscersi. [7]]

ConoscerLo: teologia. Conoscersi: antropologia. In quest’ultimo senso, secondo l’interpretazione antropologica di René Girard (ne “L’antica via degli empi”), Giobbe non sarebbe stato perseguitato né da Dio né da Satana [8], bensì dagli uomini: tant’è che, da “idolo” del popolo – grazie al suo potere, alla ricchezza e alla fama –, diventa il capro espiatorio di tutti i mali della società. Ed è bastato poco – un indizio, un momento di crisi sociale – perché uno come Giobbe, particolarmente invidiato e oggetto di attenzione rancorosa, fosse additato come colpevole di ogni male: i più esposti, in questi periodi di crisi, non sono solo gli emarginati e i “diversi”, ma anche gli “emarginati in alto” (i potenti, i ricchi, i capi).
Nondimeno, la krisis (riflessione, valutazione, discernimento) è anche un’opportunità: il capro espiatorio, benché espulso dalla comunità, ne diviene, paradossalmente, il salvatorela società ritrova la pace e il suo equilibrio proprio grazie al riversarsi di tutte le colpe sulla vittima sacrificale. Il capro espiatorio diventa “sacro” (segregato), come sacra è la violenza che ne ha decretato l’espulsione.
Giobbe “crocifisso”, che soggiace al suo “carnefice” (Dio, che ha permesso, fomentato o tollerato tale violenza), preannunzia Gesù e il Dio “finale”, che stanno dalla parte dei poveri, dei sofferenti e reietti.

E con Gesù (leggendo Giobbe in un’ottica cristiana) e il “Dio finale” entriamo nel vivo del tema: l’aspetto teologico del libro [9]. Prendo spunto da una tesi ancor più ardita di quella di Girard: quella di Jung, che, in “Risposta a Giobbe”, ipotizza una componente “satanica” in Dio, la cui onnipotenza può arrivare a esprimersi, in campo etico, perfino come amoralità (peraltro, Jung parla di “quaternità divina”, dato che, a suo vedere, alla Trinità mancherebbe l’aspetto positivo e divino del male). [10]
Ma quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare… Invece di accettare con rassegnazione questa indecifrabile volontà divina, Giobbe si erge a obiettore (di coscienza): in disaccordo coi suoi amici, non solo accusa Dio di averlo stretto in un cerchio senza via d’uscita (Gb 3,23-26), ma osa chiamarlo in giudizio (9,32), alla presenza di un arbitro capace di dirimere la questione.
E chi è, secondo Jung, questo giudice supremo [11], questo Dio super partes? È Cristo… Infatti, Gesù, accertate sul campo – facendosi uomo – le ragioni dell’umanità, di cui Giobbe è rappresentante (sia pur estremo), libera Dio dalla sua onnipotenza “senza coscienza” e lo trasforma in un Dio d’amore.
Il libro di Giobbe è, quindi, il “manifesto” del turning point nei rapporti tra Dio e l’umanità; il senso di questa “sacra rappresentazione” – un dramma teandricosecondo l’assunto junghiano sarebbe questo:  la vera redenzione che Cristo mette in atto è quella del Padre.
Tesi, quella di Jung, quanto mai ardita, da intendersi soprattutto in chiave simbolica e psicanalitica, ma che rivela la fecondità delle interpretazioni cui può portare il libro di Giobbe: riflessioni, non solo sull’uomo – è così che, in genere, il libro viene letto – ma, soprattutto, su Dio [12], “pomo di discordia” nella Bibbia ebraica[6] e, spesso, per gli stessi credenti. Un Dio che si rivela, nella forma più piena e matura, nei Vangeli, ma che, nel suo “divenire” e “maturare”, passa dal Dio di Giacobbe a quello di Giobbe.



[1] David Maria Turoldo, Il dramma è Dio, Fabbri editori, Milano 1997, p. 116.
[2]Vocatus atque non vocatus Deus aderit”: Chiamato o non chiamato, Dio sarà presente.* Questa iscrizione si trova incisa sopra la porta d’ingresso della casa che Carl Gustav Jung si fece costruire a Küsnacht, in Svizzera, vicino Zurigo. È tratta dagli “Adagia” di Erasmo (edizione del 1563), ma si rifà a un passo de “La Guerra del Peloponneso”, di Tucidide: è questa, infatti, la risposta che l’Oracolo di Delfi diede agli spartani, quando vennero a consultarlo prima di attaccare gli ateniesi.
* Cfr Gn 28,16 (Quando Giacobbe si svegliò dal sonno, disse: «Certo, il SIGNORE è in questo luogo e io non lo sapevo!»). Questa misteriosa esperienza onirica compendia un concetto che “colora” tutta la Bibbia: Dio è presente in cielo e sulla terra. Si tratta di una presenza implicita o esplicita («Isaia osa affermare: Io, il Signore, sono stato trovato anche da quelli che non mi cercavano, mi sono manifestato anche a quelli che non mi invocavano.» Rm 10,20), avvertita o inavvertita: «Ecco: egli mi passa vicino e io non lo vedo; mi scivola accanto e non me ne accorgo» (Gb 9,11).
N.B. Le citazioni bibliche sono attinte da varie versioni.
3 «Ecco il grande paradosso: Dio, infinito ed eterno, si adatta e penetra in questa realtà che è così fragile, sospesa, inconsistente. Ma ecco pure la grande intuizione: dov’è Dio? Nella folgore? Nel terremoto? Nel vento impetuoso? Dio è nel “mormorio di un vento leggero” o, traducendo più esattamente, Dio è una voce di silenzio sottile. Non un silenzio che è triste assenza di suoni, ma un silenzio in cui tutte le parole si compendiano.» (Gianfranco Ravasi, 2004).
4 Gianni Cappelletto, Giobbe. Incontrarsi con Dio nella sofferenza, Edizioni Messaggero, Padova 2015, p. 5.
5 «Nella Bibbia ebraica, nessun altro essere umano vien fatto oggetto di affermazioni tanto altisonanti come quelle riguardanti Giobbe, pronunciate addirittura da Dio […] Di nessun altro viene detto che la sua condotta e il suo destino divengono oggetto di discussione fra gli esseri celesti (1,6-12; 2,1-6). Per la loro gravità e il loro accumularsi, la sventura che lo coglie e le piaghe che gli vengono inflitte rappresentano il colmo di quanto ci si immagini possa accadere a un essere umano. Per l’asprezza dei lamenti che contengono, i suoi discorsi a Dio oltrepassano tutto ciò che altrove si può trovare nella Bibbia ebraica. E nessun altro viene degnato di una risposta divina paragonabile a quella dei grandi discorsi di Dio dei capp. dal 38 al 41.» (v. in Rolf Rendtorff, Teologia dell’Antico Testamento, Vol. 1, Claudiana, Torino 2001, p. 360).
Il libro ha 42 capitoli, dei quali i primi due e la fine dell’ultimo scritti in prosa, il resto in poesia. Si tratta di un grande dramma, una lamentazione, un dibattimento processuale, un palcoscenico su cui vengono messi in scena i temi portanti dell’esistenza: il bene (e la prosperità), il male (e la sofferenza), la giustizia e l’ingiustizia, la natura di Dio e il Suo rapporto con l’uomo.
Nel dialogo coi suoi tre amici – e con Eliu, il predicatore di giustizia – che rappresentano le ragioni della sapienza tradizionale, Giobbe sostiene che la sofferenza del giusto costituisce una profonda ingiustizia, mentre i suoi amici lo considerano un peccatore giustamente punito. A Giobbe non rimane che appellarsi a Dio, a cui chiede conto del Suo comportamento ingiustificabile. Dio interviene, non per dare spiegazioni, ma per invitare Giobbe all’umiltà dinanzi a un problema che oltrepassa la capacità di comprensione dell’uomo. Alla fine Giobbe giunge alla vera conoscenza di Dio e, per quanto non gli sia restituito quanto perso, viene premiato in misura ancora maggiore rispetto alla sua condizione iniziale.
6 Nella Bibbia, dopo il Pentateuco e i libri “storici”, c’è un terzo blocco di libri, chiamati “sapienziali”, che include: Giobbe, Salmi, Proverbi, Qoèlet, Cantico dei Cantici, oltre ai deuterocanonici Sapienza e Siracide (Ecclesiastico).
Per “sapienza” s’intende, sia l’elementare buon senso – attento alle situazioni quotidiane, al problem solving e al raggiungimento degli obiettivi – sia la ricerca del senso profondo della realtà e delle finalità più nobili dell’esistenza.
Il libro dei Proverbi è, probabilmente, il più antico tra i testi sapienziali: oltre a contenere massime destinate alla formazione culturale e pratica, tratta della dottrina tradizionale sulla retribuzione: ogni azione ha la giusta sanzione; il bene fatto è remunerato con il premio e il male con il castigo. Ed è proprio questa dottrina a essere messa in crisi nel libro di Giobbe: Giobbe è un “giusto”, prima premiato e poi sottoposto a prove durissime.
Sulla stessa linea di Giobbe si pone il libro di Qoèlet, che mette in luce le molteplici contraddizioni dell’esistenza. Ma la sua critica della sapienza tradizionale, considerata fin troppo schematica e ottimista, risulta ancor più radicale (Ravasi considera Qoèlet “fratello di Giobbe”, ma a livello estremo). Pur senza risolvere i numerosi interrogativi che pone, Qoèlet (“colui che anima l’assemblea”), apparentemente agnostico, se non proprio ateo (tutto è vanità, tutto è nulla), alla fine si palesa un credente: infatti, se da un lato invita a godere degli aspetti positivi della vita – dato che tutto passa, tutto finisce, tutto fugge via – d’altro canto ricorda che ogni azione sarà giudicata da Dio.
7 Dice di Giobbe Massimo Cacciari: «Ma chi è Giobbe? Ecco il punto che non è stato mai compreso. «Sed tamen ad onnipotentem  lo­quar»  (13,3):  per conoscere me stesso.  È questa la do­manda che Giobbe vuole rivolgere a Dio, diretta­mente,
senza intermediari: è la ‘colpa’ di non cono­scersi che egli vuole affrontare; è questa la ‘speran­za’ che egli ripone nella ‘discussione’ con Dio. Ciò che gli è capitato è certamente segno della sua na­tura, appartiene al suo essere – e questo essere gli ri­mane indecifrabile. A chi chiedere, in quale spec­chio riflettersi, se non nel proprio stesso Fattore? Nessuna presunzione, perciò, nessun’arrogante pre­tesa di ‘misurarsi’ con Dio, ma il disperato ardore del desiderio di conoscersi in Lui. E forse, badi: forse, Dio risponde.» (da Della cosa ultima, Adelphi 2004).
8 Satana, anzi il “satan”, in Giobbe è solo un funzionario ispettivo della corte celeste: una sorta di pubblico ministero, che non rimane, però, fermo dietro al banco dell’accusa, ma gira per la terra “spiando” (satan: l’accusatore, l’avversario – ma dell’uomo, non di Dio, almeno nel libro di Giobbe, dove peraltro satan compare solo all’inizio e poi non ha più alcun ruolo nella storia. E né Dio lo critica, cosa che invece fa con i tre “amici” di Giobbe). Analogo è il significato di “diavolo” (diabolos: colui che divide), che nel Cristianesimo assume la connotazione specifica di entità malvagia e spirito maligno – con antecedenti nei daeva del Mazdeismo (Zoroastrismo), nell’apocalittica apocrifa ebraica e presso gli Esseni.
9 Teologia e teodicea: Quest’ultima indaga sul volto di Dio (chi è Dio?), sul Suo rapporto col mistero del Male (se Dio è buono, perché allora il male?) e su come esercita la giustizia (esiste un ordine nel mondo?). Quanto alla prima, nel libro di Giobbe parliamo di teologia “sapienziale”. Sempre nella mia tesina scrivevo: «più che a miti ci troviamo di fronte a ”eziologie metastoriche sapienziali”, ossia a una narrazione solo apparentemente storica, con una sua trama di fatti ma con un intento filosofico-teologico, quindi ‘sapienziale’ ed esistenziale. Il racconto vuole risalire idealmente alla sorgente della storia umana, cercandone, eziologicamente, le cause, il senso e la finalità: è una ‘metastoria’ fondata su tipi e archetipi che vogliono svelare la scaturigine del Bene (creazione) e del Male (de-creazione), mettendone in luce le dinamiche esistenziali, proiettate su uno sfondo e télos universalistico, e illustrando le condizioni affinché il primo prevalga sul secondo (ri-creazione).»
10 Con riferimento alla “faccia nascosta di Dio”, secondo un assioma cabalistico: demon est deus inversus; ossia, “il diavolo è l’opposto di Dio”; meglio: “l’altra faccia di Dio” – nel senso che, a seconda delle situazioni, Dio si comporta in un modo o nell’altro, essendo al di là del bene e del male. Nel libro di Giobbe viene posta la domanda fondamentale: il Male è al di fuori di Dio o è “dentro” Dio? La Bibbia abbonda di esempi in cui Dio è “causa” del male della vita delle persone e del mondo: «… Io formo la luce e creo le tenebre, faccio il bene e provoco la sciagura; io, il Signore, compio tutto questo.» (Is 45,7). Secondo Amos 3,6: “se una città viene colpita dal male, ciò è per volontà divina”. Ma capita anche che Dio “si penta”.
Allora, si Deus est cur (unde) malum? Per la Qabbalah Dio si è contratto (autolimitato) – Tzimtzum – per far sì che l’universo potesse esistere: ed è proprio per questo che il creato non ha una piena esposizione alla natura infinitamente buona di Dio.  
11 Grazie al rîb (lite giuridica), alla fine del libro qualcosa si rompe e avviene una mutazione improvvisa e decisiva: sia Dio sia l’uomo aprono gli occhi… Secondo Jung, Giobbe è il “punto di rottura” nell’equilibrio tra Dio-creatore e uomo-creato.
Ed è questa “crisi” che rende “necessario” il cambiamento in Dio stesso e che porta all’incarnazione, ossia a Gesù.
12 Nell’Antico Testamento la divinità è conosciuta sotto vari nomi, talvolta maschili (Elohim, Adonai, El, sino a Baal), talora femminili (Ashera, Regina del cielo). Alla fine il Nome del Dio d’Israele è JHWH, l’impronunciabile Tetragrammma.
In Es 20,2-3 (e non solo) il Dio d’Israele è individuato come il Dio che ha fatto uscire Israele dall’Egitto, dalla condizione di schiavitù: è quindi il difensore dei poveri e degli oppressi, non il Dio-Re alla Baal dei miti cananei o il Marduk che diventa re e legittima la regalità in Babilonia (v. anche in: Jorge Pixley, Dio, pomo della discordia nella Bibbia ebraica; in AA.VV., “Le molte voci della Bibbia”, Concilium 1/2002 – Edizioni Queriniana, Brescia 2002, pp. 15-24).